Il seguente progetto, nell’ambito della candidatura di Matera a capitale della cultura Europea nel 2019, nasce dalla collaborazione fra l’artista Alfredo Pirri e il dott. Salvatore Rainò.

L’idea prevede la realizzazione di un’opera originata dall’identica matrice dell’arte e della scienza all’interno di una pratica unica e innovativa. L’opera che ne seguirà sarà realizzata in antiche cisterne destinate alla raccolta dell’acqua, con la consapevolezza che le cisterne dei Sassi di Matera, raccoglievano l’acqua, quando l’uomo ne conosceva la preziosità per esperienza diretta.

A questo progetto fondato sulla sintesi e la valorizzazione d’idee e pratiche differenti, si aggiunge il desiderio dei proprietari dell’Hotel Corte San Pietro, che gestiscono una struttura alberghiera sovrapposta a un sistema di cisterne collegate fra loro, di portare avanti negli anni a venire la sua espansione estendendolo all’intero sistema di cisterne fino a realizzare una vera “macchina” al servizio della creatività e del benessere dell’anima.

Le cisterne

               Untitled-1 2013-10-06 18.40.54

Primo pezzo: Il motore

Il primo elemento della macchina s’intitola: Motore.
Il Motore consiste in una scultura (progettata da Alfredo Pirri) posta nella cisterna sotto la sala da pranzo dell’albergo. Sarà composta di metallo, cristallo, acqua e sistemi di pompaggio ed elettronici realizzati per l’occasione (su progetto e brevetto del Dott. Salvatore Rainò). Avrà la forma di una colonna ottagonale di circa 3,80 mt di altezza contenente dell’acqua specificamente trattata all’interno della quale prende forma un vortice. La scultura e il vortice (che ne è parte integrante) saranno visibili sia dall’interno dell’albergo, con vista dall’alto, sia dal basso, addentrandosi, attraverso una porta d’accesso presente nella sala pranzo, nel sistema sottostante di cisterne.

L’acqua, il motore della vita, quando è libera di assumere la forma che più le aggrada, è dotata di un’intrinseca attitudine a creare il vortice, nella sua assoluta perfezione geometrica. In quest’opera vivente, l’acqua, grazie ad un sofisticato meccanismo, frutto dell’evoluzione scientifica più avanzata, restituisce alla Terra la forma di energia più antica che ella possa garantire alla vita. Infatti, specie nelle giornate più limpide e in alcuni orari in particolare, in prossimità di questo motore vivente, sarà possibile avvertire sensazioni di straordinario benessere e di armonia impareggiabile.
Questo diverrà un luogo, dove l’Universo si avvita nella clessidra del Tempo e dove l’uomo chiede scusa alla vita cercando di porvi rimedio e il foro nel pavimento sarà una finestra dalla quale affacciarsi osservando il mistero dell’evoluzione dell’uomo attraverso “opere sempre meno imperfette”.

Alfredo Pirri, Salvatore Rainò
Roma, Altamura – Ottobre 2013

disegni preparatori

The following project, proposed as part of the Matera candidature for European City of Culture 2019, is the result of a collaboration between artist Alfredo Pirri and Dr. Salvatore Rainò.
3

The idea involves making a piece of work whose origin lies in the – identical – roots of art and of science, and of making such a piece through a unique, innovative practice. The piece will take ancient cisterns for the gathering of water as its main material, in the knowledge that the cistern system at Sassi in Matera gathered and stored water when man knew, by direct experience, just how precious water is.3

As well as being moved by the desire to accomplish a synthesis between the values of different ideas and practices, the project also owes its existence to the owners of the Corte San Pietro Hotel, which lies above a system of communicating cisterns – their intent is to maintain and expand the cistern system in order for it to become well and truly a ‘machine’, to be put at the service of creativity and of the well-being of the soul.

tanks

            Untitled-1 2013-10-06 18.40.54

Part One: The Engine

The first part of the machine is called ‘The Engine’. This consists of a sculpture by Alfredo Pirri which is placed in the cistern underlying the hotel’s dining room. It will be made of metal, crystal, water and electronic pumping systems custom-made for the sculpture by Dr. Salvatore Rainò. Its shape will be that of an octagonal column, approx. 3.80 m tall, containing treated water which takes on the shape of a vortex. The sculpture and its vortex will be visible both from above, that is from inside the hotel, and from below, via a door which from the dining room leads down into the cistern system.

When water – the engine of life – is left free to take on its own shape, it tends to the absolute geometric perfection of the vortex. Thanks to a sophisticated mechanism derived from the most advanced scientific solutions, this living sculpture allows water to give back to the Earth the most ancient energy it can give, that which guarantees life. And in effect, especially in particularly clear days and at certain times of the day, visitors will feel an extraordinary sense of well-being and of harmony when in the proximity of this work.

This will become a place where the Universe will wrap itself into the hourglass of Time; where mankind will be able to apologise to life and attempt to remedy its actions. The hole in the floor will become a window through which to peer to observe the mystery of evolution of man through the making of ‘works ever less imperfect’.

Alfredo Pirri, Salvatore Rainò
Roma, Altamura – Ottobre 2013

preparatory drawings